BENVENUTO

I libri, loro non ti abbandonano mai. Tu sicuramente li abbandoni di tanto in tanto, i libri, magari li tradisci anche, loro invece non ti voltano mai le spalle: nel più completo silenzio e con immensa umiltà, loro ti aspettano sullo scaffale. AMOS OZ

Mi trovi anche qui:

giovedì 22 giugno 2017

Illustrati da leggere ai bambini!

Vi presento questi tre illustrati che piacciono moltissimo ai bambini.
L'ho sperimentato durante le letture ad alta voce.
Quello che riscuote successo è...
Secondo voi?

Le regole di Danny
Danny è talmente birichino che i genitori gli hanno costruito una scatola di regole e lui cosa fa? La distrugge, ma il peggio sarà per lui!



 La casa dei baci
Il cane Billo è un tenerone ed è alla ricerca di un _beeeeel bacione. Prima di trovare quello perfetto incontrerà taaanti personaggi.




Un leone dentro
Il nostro amico topolino è talmente piccolino che nessuno lo vede, lo nota, lo guarda... ed allora decide di voler essere come un leone e...



lunedì 5 giugno 2017

quando la musica è magia... Fiorella Mannoia


Lui pensava: "Quella è casa mia..."


E sognò la libertà e sognò di andare via, via




lunghi silenzi come sono lunghi gli anni


sabato 27 maggio 2017

Perchè ho scelto questi libri...


Sono quattro i libri che mi hanno incuriosito:

1) La musa di Jessie Burton edito da La nave di Teseo

2) I ragazzi che se ne andarono di casa in cerca di paura di Mark Haddon edito da Einaudi

3) I colori dopo il bianco di Nicola Lecca edito da Mondadori

4) Gemelle imperfette di Konar Affinity edito da Longanesi

Perchè?:
1) per  l'incipit


 

2) per l'autore (e i suoi libri precedenti)



3) per la trama


4) per la copertina (che ho aperto...)






lunedì 22 maggio 2017

Ho incontrato L'Arminuta!

Una grande scrittrice, una grande donna: attenta, disponibile e profonda. Donatella Di Pietrantonio.

 La presentazione del libro “L’arminuta”, che si è svolta giovedì pomeriggio presso la libreria Ianni a Giulianova,  è stata magica. La scrittrice Donatella Di Pietrantonio si è completamente donata ai suoi lettori rispondendo con sincerità, schiettezza e profondità d’animo a tutte le domande. Un’empatia che ha permesso a tutti di rimanere inchiodati alle proprie sedie, incantati e affascinati da questa donna. Lei, bambina arsitana, un po’ come Adriana personaggio chiave del libro, ha vissuto la sua infanzia in un ameno paesino abruzzese.

Alla domanda: “Qual è il personaggio a cui sei affezionata?” lei ha risposto: “ Adriana, ma soprattutto Vincenzo nei confronti del quale prova un senso di colpa profondo… e non sveliamo perché!”

Un libro che parla di Abruzzo,  di tradizioni e riti. Vengono citati gli arrosticini e la coperta abruzzese che, presente come scenografia in libreria,  ha talmente affascinato la scrittrice da volercisi immortalare con una foto.

La stura è stata data dall’attore Piero Cantelli della compagnia “Pempti” che ha interpretato la lettera di Ennio Flaiano a Pasquale Scarpitti nel video realizzato dal giornalista Marco Calvarese.

Il video ha talmente emozionato Donatella Di Pietrantonio da influenzare la risposta alla domanda

 “Come fa a conciliare lavoro e scrittura?”;  ha affermato: “Di giorno lavoro, la notte scrivo e, come dice Flaiano nella lettera, l’abruzzese è molto dedito al lavoro e nella cultura contadina scrivere non “fa campare”. Questo retaggio culturale mi condiziona un po’ e credo che il mio lavoro di odontoiatra mi permetta di scrivere senza alcun rimpianto.”
Insomma un incontro memorabile per un libro straordinario: racconta la storia di una tredicenne che scopre di essere stata data in affidamento all’età di sei mesi e, per motivi a lei incomprensibili, ritorna nella casa della famiglia d’origine, una famiglia molto povera. Lei, abituata alla città, ad un ambiente colto all’agiatezza dovrà fare i conti con la fame, con il pregiudizio e con il cambiamento fulmineo. Un nuovo stile di vita. Costretta ad “affrontare” se stessa  e tutte le paure ed ansie che un doppio abbandono comporta.


Tutto è incorniciato da una sapiente scrittura, asciutta ma con un grande potere evocativo. Questa capacità mantiene vivo l’interesse anche dopo che il lettore chiude il libro. Donatella Di Pietrantonio riesce a penetrare i sentimenti di chi legge con sapienza e comporre le frasi con maestria inserendo le frasi in dialetto abruzzese al momento giusto,  un dialetto veloce e contratto. Certo il linguaggio risulta a tratti colorito, ma al contempo espressivo e ricco di suggerimenti.

Michela Murgia recensendo il libro ha detto: ”Non si può dire veramente chi si è, se non si capisce prima di chi si è.” E l’arminuta cioè la ritornata scoprirà la verità? Scoprirà la sua identità?

sabato 20 maggio 2017

Regalo fai-da-te per la mia piccolina.

Guardate che bel regalo ha ricevuto mia figlia di 8 mesi. Realizzato ed ideato da Marianna: cucito a mano.

Cominciamo dalla confezione: ciucciotti , stickers e fiocco tutto nelle varie tonalità di rosa!



Apro e ...

M e r a v i g l i a, anzi meraviglioso!

Sfilo dalla scatola e guardate


Colorato, fantasioso e originale!

Ecco alcuni paticolari:


Grazie Marianna. A Chiara è piaciuto tantissimo e tu sei davvero un artista.
Hai avuto un pensiero per la mia piccola che ha  apprezzato tantissimo: ci gioca e con le manine tira!

lunedì 15 maggio 2017

Cartonati, che bellezza!

Sono dei cartonati adatti per bimbini dai tre anni in su: Bordi arrontondati e tanto tanto divertimento!






martedì 2 maggio 2017

Ecco i 12 candidati al Premio Strega 2017

Questi i dodici libri selezionati dal Comitato direttivo del Premio, presieduto da Melania G. Mazzucco e composto da Giuseppe D’Avino, Valeria Della Valle, Ernesto Ferrero, Simonetta Fiori, Alberto Foschini, Paolo Giordano, Gabriele Pedullà, Stefano Petrocchi, Marino Sinibaldi e Giovanni Solimine:
  • Teresa Ciabatti, La più amata (Mondadori)
    Presentato da Stefano Bartezzaghi e Edoardo Nesi
  • Paolo Cognetti, Le otto montagne (Einaudi)Presentato da Cristina Comencini e Benedetta Tobagi
  • Marco Ferrante, Gin tonic a occhi chiusi (Giunti)
    Presentato da Pierluigi Battista e Antonella Cilento
  • Wanda Marasco, La compagnia delle anime finte (Neri Pozza)
    Presentato da Paolo Di Stefano e Silvio Perrella
  • Chiara Marchelli, Le notti blu (Perrone)
    Presentato da Elisabetta Mondello e Giorgio van Straten
  • Monaldi&Sorti, Malaparte. Morte come me (Baldini&Castoldi)
    Presentato da Franco Cardini e Lucio Villari
  • Matteo Nucci, È giusto obbedire alla notte (Ponte alle Grazie)
    Presentato da Annalena Benini e Walter Pedullà
  • Ferruccio Parazzoli, Amici per paura (SEM)
    Presentato da Giorgio Ficara e Sergio Zavoli
  • Nicola Ravera Rafele, Il senso della lotta (Fandango Libri)
    Presentato da Filippo La Porta e Paola Mastrocola
  • Alberto Rollo, Un’educazione milanese (Manni)
    Presentato da Giuseppe Antonelli e Piero Dorfles
  • Marco Rossari, Le cento vite di Nemesio (e/o)
    Presentato da Giancarlo De Cataldo e Fabio Geda
  • Vanni Santoni, La stanza profonda (Laterza)
    Presentato da Silvia Ballestra e Alessandro Barbero

La presentazione ufficiale dei dodici candidati si terrà mercoledi 24 maggio a Benevento. La prima votazione per selezionare la cinquina dei finalisti avrà luogo, come di consueto, in Casa Bellonci, sede della Fondazione, mercoledì 14 giugno. La seconda votazione e la proclamazione del vincitore si svolgeranno giovedi 6 luglio al Ninfeo di Villa Giulia a Roma.

martedì 25 aprile 2017

Premio Strega e polemiche: Striscia la notizia non ha scoperto nulla di nuovo!

Cari amici blogger è arrivato, da circa due settimane, un libro che ha questo titolo: "Strega. Un premio che nessuno ha immaginato". Una bella raccolta che racchiude gli interventi di un convegno tenutosi a Roma l'anno scorso per festeggiare i 70 anni del premio Strega.


Lavorando in libreria ho ritenuto giusto leggerlo e studiarlo per approfondire e avere notizie su questo premio da anni incorniciato da polemiche e diffidenze. Be', devo dire che nulla è nascosto e molte cose sono spiegate senza tanti fronzoli o nascondimenti. Il programma di Ricci "Striscia la notizia" non svela nulla di nuovo!

All'avvicinarsi della premiazione, insieme ai miei colleghi ci divertiamo a "dire la nostra"... e ogni anno sento: "tanto si sa, vince la casa editrice più potente" ed ancora " chi ha più soldi, ha più voti!". E chi più ne ha, più ne metta.

Comunque, tornando al libro, la seconda parte è corredata da foto-quadro (mi piace definirli così) ossia dei ritratti fotografici, curati nei minimi dettagli degli scrittori vincitori dal 1961 al 2016.

Voglio terminare questo mio post con una citazione tratta dal volume di Tullio De Mauro, una persona che ha dedicato l'intera vita alla cultura, all'istruzione, alla lingua italiana:

"Il premio strega ha settant’anni. È nato nell’immediato dopoguerra, grazie all’amicizia tra il colto imprenditore Guido Alberti e l grande scrittrice Maria Bellonci, che credeva fosse importante inventare e realizzare un Premio come nessuno mai lo aveva immaginato. Un Premio affidato, come avrebbe detto lei, a “una giuria vasta e democratica”, caratterizzata non tanto dal numero, quanto dalla varietà e vastità delle competenze. Non solo scrittori, professori e critici letterari, ma un più largo pubblico di giornalisti, imprenditori, registi, attori interessati alla letteratura, come un polmone prezioso per il respiro di una società democratica quale ci auguravamo di poter cominciare a costruire allora. 

Quanto ha contato il Premio nella vita culturale del paese, anche in quella parte più profonda e meno visibile? Sulla parte più visibile non abbiamo dubbi e non è un gran merito: dipende dai giornali, dai mass media e dalle contingenze se è il più citato tra i moltissimi premi letterari italiani.

Le critiche intorno al funzionamento dello Strega sono anche quelle moltissime. Ne abbiamo tenuto conto, abbiamo tentato di migliorarne l’organizzazione. Le critiche continuano, nondimeno, e noi speriamo che continuino per altri cento anni.


Mi viene in mente quello che diceva Churcill sulla democrazia, che è la peggiore forma di governo eccezion fatta per tutte le altre sperimentate finora. Credo che questo valga anche per il premio Strega." 



mercoledì 19 aprile 2017

Classici per ragazzi!

Classici per ragazzi: una bella scelta, ottimo anche per "i grandi!
 
I più bei classici illustrati per ragazzi raccontati  Guido Sgardoli
L’isola del tesoro – ventimila leghe sotto i mari – viaggio al centro della terra – i tre moschettieri – le avventure di Robinson crusoe – dracula – Frankenstein – le tigri di onpracen – s. h. e il mastino di baskerville – la guerra dei bottoni






Le grandi fiabe in poche parole di Roberto Piumini
I musicanti di brema – la cicala e la formica – rosa bianca e rosa rossa  pollicino – riccioi d’oro e i tre orsi – il pesciolino d’oro – la volpe e l’uva – la regina delle nevi – mignolina – al lupo, al lupo – cappuccetto rosso – hansel e gretel – i tre porcellini – il brutto anatroccolo – biancaneve – la lepre e la tartaruga – il gatto con gli stivali – la bella addormentata – cenerentola -  il vestito dell’imperatore – il corvo e la volpe – il pifferaio di hamelin – raperonzolo – il soldatino di stagno – il lupo e i sette capretti -  l’omino di pan di zenzero -  la principessa sul pisello -  la piccola fiammiferaia – il fagiolo magico

lunedì 10 aprile 2017

Ci si prepara per l'estate

Passeggiando (ore 14,30) noto come gli stabilimenti balneari si stiano preparando all'estate:

i blocchi di cemento impilati pronti per diventare le passerelle,

la sabbia "arata" per renderla soffice e piacevole,

i bar tinteggiati a nuovo e poi i pattini raminghi, un biliardino abbandonato ed ancora i dischi (in gergo i piattini) degli ombrelloni ammonticchiati e avvisi...




La spiaggia è disseminata da mucchi ordinati di sterpaglia da buttare mucchi: è  ciò che le mareggiate depositano dopo la tempesta.

Si lavora, si aggiusta, si pulisce, si ordina... e il mare è lì, è sempre lì.





sabato 1 aprile 2017

Candidati Premio Strega 2o17

La lista dei candidati al premio strega è lunghissima ben 27 libri!



Sì ridurrà prima a 12 pretendenti poi a 5: la cinquina si conoscerà il 14 giugno.

La serata finale è invece in programma giovedì 6 luglio, ma la sede che la ospiterà non è stata ancora resa pubblica.

martedì 21 marzo 2017

Primavera

21 marzo
La prima rondine
venne iersera
a dirmi:- E’ prossima la Primavera!
Ridon le primule
nel prato, gialle,
e ho visto, credimi,
già tre farfalle.
Accarezzandola
così le ho detto:
-Sì è tempo, rondine,
vola sul tetto!

Ma perchè agli uomini
ritorni in viso
come nei teneri
prati il sorriso
un’altra rondine
deve tornare
dal lungo esilio,
di là dal mare.

La Pace, o rondine,
che voli a sera!
Essa è per gli uomini
la primavera.
(G.Rodari)