BENVENUTO

I libri, loro non ti abbandonano mai. Tu sicuramente li abbandoni di tanto in tanto, i libri, magari li tradisci anche, loro invece non ti voltano mai le spalle: nel più completo silenzio e con immensa umiltà, loro ti aspettano sullo scaffale. AMOS OZ

Mi trovi anche qui:

lunedì 24 febbraio 2014

Flash Mob letterario

Il 1° Marzo aderisci al flash mob letterario:

- indossa un fiocco bianco
- compra un libro
- condividi una foto con il libro acquistato

Alcune libreria fanno sconti, altri regalano qualcosa... insomma è una bella iniziativa, non trovate?

Il motore di tutto e l'onlus Fondazione Caffeina cultura.

Ecco il link dell’evento: https://www.facebook.com/events/636458136391334/?notif_t=plan_user_invited


Fatemi sapere se nella vostra città o paese si muove qualcosa!




mercoledì 12 febbraio 2014

tre piccoli libri

Buongiorno cari amici bloggers. Vi consiglio questi tre libri, piccoli piccoli, ma di una intensità emotiva enorme. Questi sì, che sono stati VERI scrittori. Ad ogni titolo corrisponde una frase estrapolata dal libro.

Una storia semplice 
di  Leonardo Sciascia
Adelphi
8,00  euro

Restando il semaforo al rosso, dopo un po' il capotreno, seguito da qualche passeggero, salì a piedi - cinquecento metri - alla stazione: ma scoprirono con raccapriccio che capostazione e manovale dormivano sì, ma di eterno sonno.

 




Ritratti di scrittori 
di Robert Walser
Adelphi
11,00 euro 

Leggere è utile e affascinante nello stesso tempo. Quando leggo sono una brava persona, innocua e silenziosa, e non commetto alcuna stoltezza. I lettori instancabili costituiscono una compagnia di persone intimamente soddisfatte. Chi legge arriva a procurarsi un godimento sublime, profondo e...

 



Paura 
di Stefan Zweig
Adelphi
10 euro

Irene stava per rispondere con veemenza. Ma in quel momento udì chiudersi una porta - e il cuore le si fermò. Doveva essere il marito che tornava dallo studio. Senza riflettere, si strappò l'anello dal dito e lo porse alla donna che, ancora lì in attesa, lo fece sparire in fretta.



martedì 4 febbraio 2014

Tutta colpa di Freud


Mi è piaciuta moltissimo Anna Foglietta, capace: spiritosa, ironica e brillante.
Non mi è piaciuta affatto Laura Adriani, finta: esagerata. Il personaggio imbastitole addosso è sparito. 
Mi ha lasciata indifferente: Vittoria Puccini, solita interpretazione.
Alessandro Gassmann favoloso. 
Vinicio Marchioni, interpretazione intensa.
Claudia Gerini brava, bravissima: chic, essenziale e naturale.

Ed ora passiamo a Marco Giallini

Qualche sera fa era ospite a Tiki taka, programma di approfondimento calcistico. Seduto sulla sedia (con la schiena scivolava sempre più giù), braccia conserte, un po' annoiato, aspettava il suo turno. Ciò che mi ha colpito, però, è stato il suo sguardo menefreghista, ma triste. Quel volto mi era noto, l'avevo apprezzato in Romanzo criminale e poi mi era piaciuto in Buongiorno papà. Eppure quello sguardo un po' strafottente mi è piaciuto, da subito. Sorride con gli angoli della bocca e le braccia sono sempre incrociate. In questo film è un bravo papà, un innamorato onesto e uno psicologo sottile e beffardo. Un attore.

Edoardo Leo recita in una scena di  due minuti. Merita. Grande.